Chardonnay Viberti

Uno Chardonnay che non conosce i legni

Una macchia bianca nella terra dei grandi rossi

Siamo nella patria dei grandi vini rossi, sulle colline che “ospitano” le uve per la produzione di Barolo, il Re dei vini. In occasione di una visita presso l’azienda agricola “G.Viberti”, scopriamo un piccolo gioiello a bacca bianca che troviamo subito molto convincente.

Si tratta di uno Chardonnay in purezza, le cui uve vengono allevate nel versante ovest del Comune di Barolo. Dopo la pressatura soffice con utilizzo di pressa ad aria, tutte le fasi della fermentazione e l’affinamento avvengono con il solo utilizzo dell’acciaio.

Nonostante la totale assenza dei legni, questo vino presenta grande personalità e ottima bevibilità. I profumi sono netti, decisi, incisivi e, seppur con qualche tono floreale, la frutta bianca/gialla guida l’esame olfattivo e si ripresenta al sorso. Beva molto fresca, immediata e soprattutto grande pulizia.

Abbiamo degustato questo Chardonnay l’anno successivo alla vendemmia, ma, se ben conservato ha una capacità evolutiva di 3/4 anni.

Scheda del vino: Chardonnay 2013 G. Viberti


CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • La Doc Montecucco , vissuta per anni all'ombra delle altre ben più conosciute denominazioni della zona (da una parte il Brunello di Montalcino, dall'altra il Morellino di Scansano), ha finalmente trovato il giusto strumento di valorizzazione e di tutela che, anche grazie al miglioramento delle tecniche produttive, ha già portato…
  • Il recupero del prestigio della regione Molise è dovuto senza ombra di dubbio anche dal rilancio del vitigno Tintilia; vitigno di recente riscoperto, dopo essere stato ad un passo dal completo abbandono. E' sicuramente l'uva a bacca rossa più rappresentativa della regione. E' di antica origine spagnola e fu introdotto…
  • Non potevo mancare! Expo Milano è l'evento che ha indubbiamente caratterizzato questo 2015! Sono stata una degli oltre 20 milioni di visitatori a varcare i cancelli per dirigermi in prima battuta direttamente all'intersezione tra cardo e decumano e... raggiungere il padiglione dedicato al Vino Italiano! Era il 31 marzo del 2008 quando…