Vin Santo di Vigoleno DOC

Alla scoperta del Vin Santo di Vigoleno.

Un vino d'altri tempi

Il Vin Santo di Vigoleno è arcaico, inconfondibile e davvero di altri tempi. È in qualche modo uguale solo a se stesso. Dagli inizi dell’Ottocento è il prodotto principe di un piccolo territorio posto tra le province di Piacenza e Parma, in territorio piacentino.

Qui le terre, che i geologi associano alla cosiddetta formazione di Vigoleno, sono argilloscisti e argille scagliose, tra le quali a tratti si sviluppano zone di marne, sabbie e arenarie grigio- giallastre del Messiniano.

Con il nuovo disciplinare in vigore è stata formalizzata una pratica già comune tra i produttori, quella di utilizzare nell’uvaggio i vitigni santa maria e melara per un minimo del 60%. Tra quelli ammessi sparisce invece il marsanne.

È piuttosto lungo il processo di elaborazione e affinamento, infatti i cinque anni minimi del disciplinare vengono spesso disattesi in eccesso, visto che si arriva non raramente a sette o otto anni, se non oltre. Al di là delle fisiologiche differenze tra produttore e produttore, e tra sottozona e sottozona, questo processo porta a un vino sempre dolce e di timbro ossidativo, di grande concentrazione e complessità.

CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • Una squisita ricetta che abbina pesce e verdura. Un vero toccasana, insomma! Ah, dimenticavo, un ottimo Chardonnay del Sud Italia è l'ideale per accompagnare questo piatto.   TONNO AI PEPERONI E CHARDONNAY Ingredienti   1 kg di tonno fresco a fette 6 pomodori maturi 6 peperoni 1 cucchiaino di zucchero…
  • La tradizione vitivinicola del Trentino si perde nella notte dei tempi. Numerosi sono i ritrovamenti che ne testimoniano la presenza e l'importanza sin dalla preistoria, così come numerose sono le popolazioni che si succedettero in questi territori e che lasciarono testimonianze relativamente alla coltivazione della vite. La viticoltura perse la…
  • Fra Trapani e Palermo si estende il patrimonio viticolo costituito dall'Alcamo Doc il cui primo disciplinare risale al 1972. Il vino in queste zone ha una grande storia e, dopo essere stato utilizzato per il Marsala o per la produzione del Vermouth, versa oggi in evidente stato di abbandono. Le…