Roagna Langhe Bianco 2012

Langhe Bianco 2012 di Roagna: piccola perla nella terra dei grandi rossi.

Piccolissima produzione

E’ davvero emozionante e sorprendente assaggiare ottimi vini bianchi che provengono da una terra  particolarmente vocata per la produzione di grandi vini rossi: la Langa. Quello che andrò a raccontarvi appartiene alla recente Doc “Langhe” ed è un piccolo capolavoro, dalla produzione limitata, dell’azienda Roagna- I Paglieri.

Il Langhe Bianco 2012 nasce da un terreno perlopiù argilloso e calcareo e il vitigno principe per la sua realizzazione è il vitigno a bacca bianca internazionale per eccellenza: lo Chardonnay. Non manca però una piccolissima percentuale di uva Nebbiolo, che rende il tutto estremamente particolare.

E’ un vino giovane, ma già molto appagante. Il colore è giallo paglierino piuttosto scarico, e il ventaglio di profumi che si aprono all’olfatto ricordano a tratti il frutto esotico, a tratti un bouquet delicato, mescolati a nette sensazioni agrumate e dolci come il miele allo stesso tempo. La beva è intrigante, curiosa, seducente, non scontata, seppur riaffiorino al gusto le medesime sensazioni olfattive. L’acidità è pressoché perfetta e dà un senso di grande pulizia alla beva. Il finale risulta leggermente amarognolo e mandorlato con una buona persistenza.

Un vino che si presta anche all’invecchiamento, infatti per non sbagliare ho una bella scorta in cantina da assaggiare tra qualche tempo.

Scheda del vino: Langhe Bianco 2012. Roagna


CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • Vinificare l'uva bianca con la buccia, come per un rosso, dà un vino arancione. Secondo il metodo classico, il vino bianco si fa pressando l'uva (nera o bianca) e lasciando fermentare il succo. Per il vino rosso, il procedimento è inverso: si fa fermentare l'uva (a bacca nera) e poi…
  • Sono molte le variabili che influiscono sul colore di un vino: innanzitutto il vitigno, poi le caratteristiche del terreno, l'annata più o meno favorevole, il grado di maturazione, la vinificazione. Ecco le diverse sfumature dei vini bianchi... Dal quasi bianco al quasi arancione: è vasta la gamma dei colori dei…
  • L'Arneis è un antico vitigno autoctono piemontese, diffuso soprattutto nel Roero, con citazioni che risalgono al 1432, a Chieri nel Torinese con il nome Ranaysii. La parola Arneis compare solo nel 1877 nel celebre trattato di Rovasenda. Nel passato i contadini piemontesi usavano piantare alcune viti di Arneis tra i…