Barbera D'Alba Piani 2013 Pelissero

La Barbera “Piani” 2013 di Pelissero: ampiezza strutturale.

Sulle colline di Langa.

Che sia Barbera, Nebbiolo, Dolcetto o Barbaresco, non importa: la mia passione per le colline delle Langhe credo sia ormai nota. Oggi andrò a raccontarvi una Barbera che poco ha da invidiare a quelle più blasonate.

Ci troviamo a Treiso, uno dei tre comuni del Barbaresco e qui la famiglia Pelissero, giunta alla terza generazione di viticoltori, porta a casa risultati sorprendenti con la coltivazione di vitigni autoctoni.

“Piani” è il nome della zona dove è collocato questo vigneto e sta ad indicare proprio una parte di collina decisamente meno ripida rispetto alla media, già storicamente famosa per la produzione di barbera di un certo livello.

L’annata 2013 si presenta carica di colore con un’ampiezza olfattiva particolarmente intrigante: la mora, il mirtillo, la prugna matura con un pizzico di sentore legnoso e di grafite la rendono particolarmente interessante. La beva è strutturata, calda avvolgente con un’ottima acidità, tipica del vitigno. L’evidente struttura è dovuta anche ad una maturazione di circa 8 mesi in botti di rovere.

Perfetta per una buona cena tra amici a base di carni elaborate! Ottimo anche il rapporto qualità/prezzo…

Scheda del vino: Barbera d’Alba “Piani” 2013. Pelissero


CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • La Barbera "Francia" di Giacomo Conterno è un vino rosso proveniente da uno dei vigneti più di pregio del panorama di Langa, del quale porta il suo nome. Inutile ribadire la mia predilezione per i vini di questa meravigliosa Terra! Conterno è uno degli ambasciatori dell'eccellenza italiana  a livello mondiale:…
  • Questa settimana Carpe Vinum vi propone una ricetta a base di carne: il rollè farcito.   INGREDIENTI 800 grammi di fesa di manzo 200 grammi di mortadella 100 grammi di macinato 1 salsiccia 4 uova sode 150 grammi di scamorza 1 aglio 1 cipollotto 1 bicchiere di vino bianco 100…
  • La Falanghina è una delle più antiche varietà campane e il suo nome sembrerebbe derivare dal latino "falange", che evoca le aste dei militari simili a quelle usate in vigna per sostenere la vite. Qualcuno sostiene che il Falerno, il vino più ricercato dell'antichità, derivasse dalla Falanghina, ma non vi…