Champagne Dom Perignon Œnothèque 1995

Dom Pérignon Oenothèque 1995. Buone vacanze!

Perla effervescente

Brindare all’estate con un Dom Pérignon Oenothèque non è proprio da sfigati… Carpe Vinum ha deciso alzare un calice di Champagne per augurare una buona estate a tutti i suoi followers regalando loro le emozioni e le sensazioni che solo una piccola perla così può trasmettere. Le tanto sospirate vacanze sono arrivate ed è giusto celebrarle in grande stile!

E’ uno Champagne che non ha certo bisogno di presentazioni, ma riconosco di non aver mai assaggiato prima una Cuvée Oenothèque. E’ splendida alla vista, all’olfatto e al gusto: una delizia a tutto tondo, insomma.

Prezioso il colore giallo dorato di cui si colora il calice al momento della mescita, bello ed accattivante al naso quando ci si avvicina per definirne i profumi i quali spaziano dall’agrume alla tostatura, chiare la crosta di pane e la freschezza dello zenzero. Già, avete capito bene, è freschissimo nonostante abbia alle spalle qualche annetto. Al gusto è intenso, fragrante, complesso ed equilibrato. Un perfetto capolavoro che auguro vivamente ad ognuno di voi di assaggiarlo almeno una volta nella vita.

Buone vacanze a tutti e ricordatevi di brindare anche sotto l’ombrellone!!!

Arrivederci in autunno.

Scheda del vino: Dom Pérignon Oenothèque 1995


CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • In Francia esiste un panorama vinicolo di vini rosati di ampiezza piuttosto rilevante: oltre alla zona dello Champagne, dove il vitigno più diffuso è naturalmente il Pinot Noir insieme al Pinot Meunier, nelle regioni meridionali del paese, la Valle del Rodano, Languedoc-Roussillon, la Provenza, la produzione di vini rosati ha…
  • Siano benedette le cene in cui non manca lo Champagne! Già, perché senza una gustosa bollicina non sarebbe la stessa cosa. In questa bella serata, in verità le bottiglie stappate sono 2 (o 3?). La prima porta la firma di Drappier ed è un Blanc de Blancs del quale però non vi…
  • Dopo un bel viaggio alla scoperta delle meraviglie enologiche di Francia, due carissimi amici non potevano fare altro che rientrare muniti di un bagaglio un po' più pesante rispetto a quello dell'andata. Tra le numerose bottiglie acquistate, infatti, non mancano le aristocratiche bollicine dei nostri cari cugini, tra cui spicca questo Blanc…