Angliano

Cascina Piano: l’equilibrio e l’armonia dell’Angliano 2010

L'antico nome di Angera

E’ in occasione della visita all’ Azienda agricola “Cascina Piano” che abbiamo il piacere di assaggiare, tra gli altri, uno dei vini simbolo della zona di Angera: l’Angliano.

L’annata degustata è la 2010. Questo uvaggio di uve Nebbiolo e Croatina lo troviamo fin da subito molto curioso; se il nebbiolo conferisce struttura e corpo al vino, la Croatina va ad ingentilire la beva e a regalare una buona freschezza. Un perfetto gioco di equilibrio che si rivela vincente!

Un bellissimo rosso rubino brillante dai profumi di frutti di bosco decisamente intensi con note molto gradevoli di liquirizia e spezie. Sul finale una discreta sensazione di cacao amaro. In bocca l’Angliano è un vino ricco e corposo senza essere invadente, un grande equilibrio tra il tannino, l’alcol e la sensazione di piccoli frutti rossi. Finale molto persistente con note leggermente amarognole

Scheda del vino: Angliano 2010


CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • E' una fresca e soleggiata domenica di metà Aprile quando lo staff di Carpe Vinum, con uno stuolo di sostenitori al seguito, si trasferisce sulle sponde del Lago Maggiore per una piacevole gita fuori porta. Naturalmente il primo appuntamento segnato in agenda è una visita guidata in una nota azienda…
  • L'imbottigliamento è l'atto finale della vinificazione, ma non è affatto detto che l'affinamento sia terminato: molti vini richiedono infatti mesi, o addirittura anni, di ulteriore riposo in bottiglia per maturare. E' un'operazione delicata e importante: massima igiene e minor contatto possibile con l'aria sono le prime due regole da seguire.…
  • Il residuo che capita di trovare in una bottiglia non significa necessariamente che il vino sia cattivo. E' molto più importante, come indice di qualità, verificare la limpidezza di un vino: un liquido torbido, con particelle perennemente in sospensione, può far pensare a una rottura del colore e della limpidezza,…