Vitigno Montepulciano

Alla scoperta dei vitigni: il Montepulciano

L'uva rustica e vigorosa

Il Montepulciano è una delle uve più significative del centro Italia. Divide la sua importanza con il Sangiovese e storicamente i due vitigni sono stati spesso confusi. La sua origine è quasi certamente abruzzese e si diffuse nell’intera regione e nel sud delle Marche a partire dai primi anni del 1900.

La Doc “Montepulciano d’Abruzzo” fu la prima a comprendere un’intera regione. Nelle Marche è largamente diffuso in tutte le province, particolarmente in quelle di Ancona e di Ascoli Piceno. Questo vitigno lo troviamo inoltre in tutto il Molise e in Puglia: da Foggia fino alla provincia di Lecce è previsto in quasi tutte le Doc per ottenere vino rosso o rosato. E’ presente anche in Umbria e in gran parte del Lazio.

Il Montepulciano ha un grappolo di media grandezza, abbastanza compatto di forma piramidale o conica. L’acino è medio, dalla forma leggermente allungata, dotato di spessa e consistente buccia dal colore nero violaceo. Tradizionalmente allevato a tendone per ottenere grandi rese, matura sempre in epoca piuttosto avanzata e la raccolta si effettua a partire dalle prime settimane di ottobre.

L’uva Montepulciano è generosa e rustica. Lo sforzo dei migliori produttori contemporanei è stato quello di creare vini eccellenti, degni di confronto con i migliori del mondo per potenza, struttura, eleganza e ampiezza delle sfumature olfattive, interessanti anche con l’invecchiamento.

I vini rossi a base di Montepulciano si caratterizzano per la piena struttura apportata da tannini fitti, morbidi, poco aggressivi e per il finale notevolmente persistente. Queste caratteristiche lo hanno reso il vitigno da taglio per antonomasia. Si presta a tantissime interpretazioni, come la vinificazione in bianco per vini fermi o per una base spumantistica; tradizionalmente importante è l’impiego di Montepulciano nella produzione di vini rosati, tra cui il Cerasuolo d’Abruzzo.

Va precisato che il Vino Nobile di Montepulciano è totalmente estraneo a questo vitigno, in quanto prodotto con un clone dell’uva Sangiovese e prende il proprio nome dalla città di Montepulciano, in provincia di Siena, dove viene prodotto.

CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • La zona di produzione del Chianti Classico comprende tutto il territorio dei comuni di Greve in Chianti, Radda in Chianti,Gaiole in Chianti, Castellina in Chianti e parte dei comuni di Castelnuovo Berardenga, Poggibonsi, Barberino Val d'Elsa, Tavarnelle Val di Pesa e San Casciano in Val di Pesa. Riconosciuto Doc nel…
  • In una fredda serata milanese dei primi di dicembre, in occasione di una cena "frugale" con un paio di amici, la scelta del vino cade su un Montepulciano d'Abruzzo: il Bellovedere, considerato uno dei fratelli maggiori di "Spelt" dell'azienda "Fattoria la Valentina". Prodotto per la prima volta nel 2000 questo…
  • La Doc Montecucco , vissuta per anni all'ombra delle altre ben più conosciute denominazioni della zona (da una parte il Brunello di Montalcino, dall'altra il Morellino di Scansano), ha finalmente trovato il giusto strumento di valorizzazione e di tutela che, anche grazie al miglioramento delle tecniche produttive, ha già portato…